Home   >   Città
Data
Date
Date
Angolo_l_chiaro
Angolo_r_chiaro

Territorio

Image_02

Un viaggio racchiude in sè una miriade di immagini di emozioni di odori e di sapori indimenticabili.

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Comunica con noi


tel. 0372 406391
Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro
HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

PANDINO

Castello Visconteo

La prima notizia documentata su Pandino risale al 1144, quando la chiesa parrocchiale risultava dipendere da quella di S. Sigismondo di Rivolta d'Adda. A quell'epoca dunque il nostro paese doveva essere di scarsa importanza, con un territorio caratterizzato da una preminenza di boschi, inframmezzati da pascoli e qualche vigna.
Ciò che rende unico il nostro castello è il fatto di essere il meglio conservato tra tutte le costruzioni viscontee del XIV secolo.
Venne fatto erigere dal signore di Milano Bernabò Visconti e dalla moglie, Regina della Scala,  intorno al 1355 come residenza di campagna per la caccia, grande passione del signore; la zona di Pandino, con i suoi boschi ricchi di selvaggina, era perfetto per questo scopo. La costruzione ha la forma tipica dei castelli di pianura dell'epoca: pianta quadrata con quattro torri angolari, cortile interno con porticato scandito da archi acuti e loggiato superiore. All'esterno sono visibili le numerose finestre, monofore al piano terra, in origine destinato alla servitù, bifore al piano superiore, riservato ai nobili.
Il lato est del piano inferiore era originalmente aperto come una sorta di secondo porticato, ed era adibito a salone dei banchetti.
Il castello nel '300 fu completamente decorato in ogni suo spazio, persino nella stalla oggi occupata dalla biblioteca. Le pitture del castello erano costituite da svariate forme geometriche, tarsie a imitazione del marmo e alcune figure umane. Nelle forme geometriche trovarono posto gli stemmi della famiglia: il biscione visconteo, la scala stemma dei signori di Verona, l'impresa personale di Bernabò. Gli stemmi sono ripetuti ovunque, quasi per ammonire chiunque entri nel castello  della potenza dei signori di Milano.
Tra i pochi dipinti con figure umane si distinguono S.Antonio abate a S.Cristoforo, dipinti ai lati dell'ex salone dei banchetti per proteggere il primo dalla peste e il  secondo dalle morti improvvise.; purtroppo, nel corso del '400 si rese necessario aggiungere ad ogni angolo del porticato degli arconi di rinforzo, che sono andati a coprire in parte il S. Antonio e del tutto il S.Cristoforo.
La decorazione più interessante di tutto il castello si trova in un salone del piano superiore, sulle cui pareti è stato raffigurato un porticato visto in profondità, con un effetto di sfondamento della parete.

Nel 1385, Bernabò Visconti viene imprigionato prima a Milano poi a Trezzo d'Adda dal nipote, Gian Galeazzo Visconti, che diventa così il nuovo signore di Milano e il nuovo proprietario del castello di Pandino. Morto Gian Galeazzo nel 1402, lo stato di Milano entra in crisi e varie città si ribellano; anche nel nostro territorio si verificano fatti simili, e la famiglia cremasca dei Benzoni proclama la propria signoria su Pandino e Crema. Questa situazione prosegue fino al 1423, quando il secondogenito di Gian Galeazzo, Filippo Maria Visconti, rimette insieme una parte del ducato milanese e si riappropria anche di Pandino e di Crema.
Filippo Maria è l'ultimo dei Visconti, e dopo la sua morte il ducato passò nelle mani del genero Francesco Sforza, nel 1450. Il castello di Pandino era stato dato dal Visconti in feudo alla famiglia dei Sanseverino, che passarono a servire gli Sforza.
Negli anni successivi, tuttavia, i Sanseverino si rivelarono feudatari scomodi, così furono tolti loro castelli e terre; Pandino divenne quindi contea per uno dei figli dello Sforza, Ludovico il Moro, che vi governò dal 1469 al 1477. In seguito castello e feudo tornarono nelle mani dei Sanseverino, per essere poi acquistati nel 1552 dalla famiglia d'Adda, i cui eredi mantennero questa proprietà fino al 1947, anno della vendita del castello al Comune di Pandino.
Nel corso del XV secolo furono aggiunti ai due ingressi del castello due torrioni di difesa, poiché in quell'epoca il nostro territorio si trovava a ridosso del confine Milano- Venezia. Munire meglio un il castello non bastò a fermare i veneziani, che lo conquistarono due volte ma lo occuparono per pochi anni, tra il 1446-48 e il 1500-1509.
Nell' '800 i d'Adda affittarono il maniero ad alcuni contadini, che un po' alla volta lo trasformarono in una grande cascina, utilizzando delle sale del piano alto come filatoio della seta. Sempre a quel periodo risale la demolizione del lato occidentale della costruzione, che portò anche alla distruzione quasi integra delle due torri di quel lato.
Con il passaggio del castello all'amministrazione comunale si pose mano al recupero della struttura. Si iniziò con il rifacimento dell'ala ovest, attuato anche con l'utilizzo di materiale ricavato dalla distruzione di vecchie case del paese; la ricostruzione di questo lato terminò nel 1958, e nei "nuovi" locali trovarono sede gli uffici municipali.
Tra gli anni '60- '70 del XX secolo sono invece restaurati gli spazi dei restanti lati, seguendo un metodo di tipo conservativo che porta al ripristino delle originali pitture trecentesche, coperte da intonaco nel XVII secolo. Solo una stanza è stata restaurata in modo integrativo, con evidenti coloriture moderne. Per quanto riguarda pavimenti e soffitti, vennero tutti rifatti durante il '600 per il problema delle infiltrazioni d'acqua; la pavimentazione originale è visibile solo sulla scaletta che dal piano inferiore porta a quello superiore.
Attualmente nel castello si trovano il municipio, la biblioteca comunale e il convitto della scuola casearia, che a breve si trasferirà in una struttura nuova.



Sito: http://www.comune.pandino.cr.it


Informazioni

 
 
 
Distanza capoluogo (km): 56
 
 
 

Multimedia

38f7aac4985d673076b9ff9029c84b5f
Pandino
Entra nella sezione per visualizzare tutte le foto disponibili.
Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro
Itinerari
DA MONTEVERDI A VERDI

PROGETTO "DA MONTEVERDI A VERDI"
Valorizzazione e sostegno culturale e turistico dei territori

TURISMO SCOLASTICO_WEB

TURISMO SCOLASTICO
Benvenuti a Cremona!

CIRCUITO CITTA' D'ARTE

CIRCUITO CITTA' D'ARTE DELLA PIANURA PADANA
Le nove meraviglie della Pianura Padana!

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Crea il tuo viaggio

Image01

Crea il tuo viaggio
Un viaggio racchiude in sè una miriade di immagini di emozioni di odori e di sapori indimenticabili.

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro