Home   >   Risorse turistiche
Data
Date
Date
Angolo_l_chiaro
Angolo_r_chiaro

Elementi correlati

Alloggio: Hotel Palace
Via Cresmiero, 10 >>>

Santuario S. Maria della Croce

Approfondimento: FESTE DI DEVOZIONE POPOLARE E PRESEPI
Fede e feste popolari, dove la devozione si unisce al ... >>>

Ciclabili

Articolo: CICLABILE DEL CANALE VACCHELLI
Il Canale Vacchelli inizia con un’opera di derivazione ... >>>

TEATRO SAN DOMENICO_ESTERNO

Evento: TEATRO SAN DOMENICO - "DORIAN GRAY"
Liberamente tratto dal romanzo di Oscar Wilde - Teatro San ... >>>

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Territorio

Image_02

Un viaggio racchiude in sè una miriade di immagini di emozioni di odori e di sapori indimenticabili.

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Comunica con noi


tel. 0372 406391
Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro
HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Santuario Santa Maria della Croce

Santuario S. Maria della Croce

L’architetto prescelto per il progetto fu il pregevole Giovanni Battagio, cresciuto nella scuola del Bramante e fautore dell’architettura a pianta centrale che in quegli anni stava prendendo piede nella corte milanese ed in Lombardia. Egli concepì una chiesa a pianta centrale, con paramento in cotto, con tre ordini di gallerie all’esterno e quattro cappelle radiali per ogni punto cardinale. Alcuni problemi con le maestranze locali obbligarono il Battagio a consegnare la costruzione a Giovanni Antonio Montanaro, che la portò a termine nel 1500, aggiungendo la galleria finale d’impronta gotica.


Nel 1514 Renzo di Ceri ne fece un fortilizio da guerra, poi restituito al culto e collegato, nel 1593, alla città tramite la via Vendramina, dal nome del podestà veneto Vendramin.


Nel 1706 i Carmelitani scalzi, custodi del tempio, costruirono l’annesso convento, soppresso però nel 1810 per volontà di Napoleone.


Nel suo interno si possono ammirate numerosi affreschi e tele dei maggiori artisti cremaschi e cremonesi, come Carlo Urbino, i fratelli Bernardino ed Antonio Campi, Aurelio Gatti, Giovan Battista Grandi, Benedetto Diana, Angelo Bacchetta ed i Torricelli da Lugano.


Si trova alla periferia nord di Crema, a circa 1 chilometro dal centro cittadino.
Dove oggi sorge la Basilica Minore, nel '400 esisteva un piccolo borgo, immerso nel bosco, situato sulla strada che porta da Crema a Bergamo. Il bosco prendeva il nome di Novelletto e la strada usciva dalla città all'altezza delle attuali vie di S.Chiara o via Borgo S.Pietro, presso la Porta Pianengo.


Come si raggiunge:
Il magnifico edificio si staglia in tutta la sua imponenza per chi arriva in auto da Bergamo.


Uscendo dalla città di Crema a porta Serio, si percorre l'omonimo bel viale alberato tracciato nel 1593 dal podestà N.Vendramin, che valorizza l’edificio, il quale subisce però il tormento del traffico quotidiano, trovandosi esposto(anche se ci sono dei parcheggi) sulla strada.


Dimensioni dell’edificio
Il Santuario ha un’altezza (a livello della cupola maggiore) e una larghezza che coincidono e sono pari a 35 metri; l’altezza delle cupole laterali raggiunge i 15 metri dal suolo.





Indirizzo: Viale Santa Maria - CREMA
Telefono: 0373 259597
Sito: http://www.diocesidicrema.it
Orario:

estivo: 8.00-12.00 e 14.00-19.00

invernale: 8.00-12.00 e 14.30-18.00



Listino prezzi:

Ingresso libero


Informazioni

 
 
 
Indirizzo: Viale Santa Maria
Telefono: 0373 259597
Città: CREMA
 

Mappa

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro